Alassio in festa per il tradizionale cimento di Santo Stefano  

Alassio. Come da tradizione, a Santo Stefano ad Alassio è andato in scena il Cimento Invernale arrivato all’edizione numero 56. Tra i 210 temerari che oggi si sono dati appuntamento nella Città del Muretto per tuffarsi nelle acque della Baia di Alassio c’era anche una delegazione di carabinieri della compagnia cittadina guidata dal maggiore Massimo Ferrari, oltre che il sindaco Marco Melgrati.

Sedici gradi la temperatura dell’acqua, un grado più bassa quella atmosferica, in una giornata parzialmente coperta in cui il sole pare volere squarciare le nubi da un momento all’altro.

Organizzato dalla Società Nazionale di Salvamento con il Patrocinio del Comune di Alassio e la collaborazione della Marina di Alassio, del Cnam, della Protezione Civile, della Gesco e dell’Associazione Bagni Marini, l’appuntamento si è svolto in Passeggiata Cadorna, proprio di fronte al Diana Grand Hotel che quest’anno ha messo a disposizione docce e spogliatoi e la splendida terrazza che si affaccia sulla Baia di Alassio.

Mare calmo – una tavola direbbero i marinai – e tanto entusiasmo: la Banda Città di Alassio, per l’occasione vestita con i costumi di Babbo Natale, ma anche tutta l’animazione di Alassio Christmas Town con Babbo Natale, Elfi, le renne e i personaggi dei musical che animano la tensostruttura accanto al Comune… tanti partecipanti – 210 appunto – e tanti curiosi assiepati sulla spiaggia ad assistere all’evento.

Il clima è proprio quello giusto, delle feste e del desiderio di divertirsi nella cornice della spiaggia alassina. Tra i cimentisti c’era appunto anche il sindaco di Alassio, Marco Melgrati: “Faccio spesso il bagno in questa stagione – confessa – le temperature sono ancora miti e lo permettono. Del resto il Cimento ad Alassio è nato proprio con lo spirito di mostrare quanto siano gradevoli le acque del nostro mare in questa stagione. Sono felice che ci sia sempre tanta gente da ogni dove”.

“Oggi però è doveroso ricordare due persone che del cimento erano l’anima e che non sono più tra noi – aggiunge Melgrati – parlo di Aldo Giardini, appassionato del cimento e sempre presente tra gli arditi nuotatori e parlo naturalmente di Vittorio Dani, vero cuore pulsante di questo evento e della Società Nazionale di Salvamento. Mancano, ma sono certo che ci stanno seguendo e che stanno facendo il tifo per tutti noi”.

Al suo Presidente, recentemente scomparso, la Salvamento ha infatti dedicato il 1° Memorial “Vittorio Dani”. Se lo è aggiudicato Luciano Marassi, il cimentista alassino più anziano.

Ecco gli altri riconoscimenti: le più giovani sono due gemmelline, Giada e Viola Belloni di Cologno al Serio di 7 anni; la più anziana è Carla Carli, genovese del 1932; il più giovane è Riccardo Mammole di 5 anni da Pietra; il più anziano è Salvatore Lombardo del 1932; il gruppo più numeroso è quello dei Nuotatori del Tempo Avverso che con 21 partecipanti hanno conquistato il trofeo Pino Cosso.

Foto tratte anche dalla pagina Facebool della Protezione Civile di Alassio

La mareggiata impone un cambio location, ma non ferma il tradizionale cimento di Santo Stefano ad Alassio 

Alassio. Santo Stefano ad Alassio è da sempre Cimento Invernale e quest’anno non sarà da meno anche perchè con i suoi 56 anni quello alassino si segnala tra i più antichi cimenti invernali del Paese e sicuramente tra i più partecipati. Sono centinaia i temerari che ogni anno raggiungono al Città del Muretto da ogni dove per tuffarsi nelle acque della Baia di Alassio.

Cimento Invernale Alassio 2018

La Società di Salvamento, che da sempre organizza l’evento, quest’anno piange uno dei suoi rappresentanti più attivi. Vittorio Dani, storico presidente è infatti scomparso la scorsa estate lasciando un grande vuoto nell’organizzazione e nel volontariato alassino.

La Salvamento ha voluto raccogliere il testimone e proseguire la tradizione dell’Associazione e del Cimento che quest’anno, nel suo ricordo, assegnerà il primo Memorial Vittorio Dani. L’appuntamento, che avrà la collaborazione della Marina di Alassio, del Cnam, della Protezione Civile, della Gesco e dell’Associazione Bagni Marini, sarà dunque mercoledì 26 dicembre alle 10,30 sul tratto di spiaggia antistante il Diana Grand Hotel che quest’anno ha messo a disposizione docce e spogliatoi.

Accompagnati dal Complesso Bandistico Città di Alassio i partecipanti si tufferanno in mare e, al ritorno sulla spiaggia saranno accolti con vin brulè e il più tradizionale panettone.

Anticipo di cimento al lago di Osiglia con i “Nuotatori del Tempo Avverso”

Osiglia. In attesa dei cimenti al mare, proseguono i bagni nelle acque interne.

Ieri, domenica 21 ottobre, alcuni “Nuotatori del Tempo Avverso” si sono ritrovati a Osiglia per un “bagno ristoratore” nelle acque del lago, che avevano una temperature di 16 gradi.

La giornata è proseguita con l’ottima polenta ai funghi e al sugo di cinghiale, ravioli e fazzini con porri, aglio, gorgonzola e perfino nutella preparati dalla Pro Loco di Osiglia e si è conclusa con la tradizionale castagnata.

A Palazzo Pietracaprina la mostra fotografica “Borghetto sott’acqua”

Borghetto Santo Spirito. Sarà inaugurata domenica 29 luglio alle 17 a Palazzo Pietracaprina a Borghetto Santo Spirito la mostra fotografica “Borghetto Sott’acqua“, dedicata alla scoperta delle meraviglie dei fondali marini della cittadina rivierasca.

L’esposizione, allestita dal Forum Culturale di Borghetto Santo Spirito, Asd Circolo Nautico 3 Miglia e Lega Navale Italiana di Borghetto, sarà visitabile tutti i giorni dalle 17.30 alle 23 fino all’11 agosto con ingresso libero.

Con le sue foto Antonio Billeci descrive a turisti e residenti “una bellezza che è a portata di tutti e che è semplicemente nascosta in pochissimi metri d’acqua, in prossimità della riva del mare. Tutte le fotografie sono infatti state scattate a Borghetto, nella fascia dei 200 metri dalla costa e ad una profondità massima di 4 metri”.

Mostra Borghetto Sotto Acqua

Alla cerimonia di inaugurazione seguiranno i laboratori per ragazzi di tutte le età “Impariamo i nodi marinari” a cura di Elena Gandolfo, e “Riciclo creativo” a cura della sezione di Borghetto della Lega Navale.

Mostra Borghetto Sotto Acqua

La serata di domenica 4 agosto sarà invece dedicata al relitto della nave “Città di Sassari”, affondata in prossimità delle coste di Borghetto nel 1917. Il “Città di Sassari” era un piroscafo postale riconvertivo in incrociatore ausiliario durante la prima guerra mondiale. Venne silurato il 1 dicembre 1917 dall’U65, un sottomarino che aveva la sinistra fama di essere infestato dai fantasmi. Dal 19 agosto 2000 sui resti del piroscafo, a meno 27 metri di profondità, è presente la statua della Madonnina degli Abissi.

Il Forum Culturale ha raccolto in un libretto informazioni, documenti e testimonianze che verranno esposte da Elisa Patetta, Elena Gandolfo ed Antonio Billeci durante la conferenza che si terrà domenica 4 agosto a partire dalle 21 a Palazzo Pietracaprina. Seguirà la presentazione del libro “Gli ultimi corsari”, affondamenti di piroscafi e velieri nel mar Ligure durante la prima guerra mondiale, a cura dell’autore Giorgio Casanova.

Mostra Borghetto Sotto Acqua

Gli eventi, patrocinati dal Comune di Borghetto S.Spirito, sono organizzati da: Forum Culturale di Borghetto Santo Spirito, Asd Circolo Nautico 3 Miglia e Lega Navale Italiana di Borghetto.

Spotorno, al molo Sant’Antonio il 27^ cimento primaverile

Spotorno. Sono stati 65 i partecipanti alla 27^ edizione del cimento primaverile tenutosi oggi presso il molo Sant’Antonio di Spotorno. L’iniziativa è stata organizzata dalla sezione locale della Lega Navale Italiana.

Cimento Primaverile Spotorno 2018

Nel corso della manifestazione sono stati premiati i due nuotatori più giovani, Marco e Silvia Gaffi, rispettivamente di 11 e 9 anni; la più anziana, Elena Gherhardt, nata nel 1928; il più anziano, Andrea Penna, classe 1943. Da Bodnegg, Germania, Samuel e Frank Santer, i due partecipanti da più lontano. I “Nuotatori del tempo avverso”, il gruppo di partecipanti più numeroso, è stato premiato con sei bottiglie di spumante.

Un rinfresco ha concluso la giornata, senza il tradizionale minestrone, dal momento che la cucina dovrà essere ripristinata dopo la mareggiata dello scorso novembre; tutti i partecipati si sono dati appuntamento alla prossima edizione.

La Lega Navale di Spotorno festeggia la primavera con il cimento

Spotorno. La sezione di Spotorno della Lega Navale Italiana organizza come ogni anno il Cimento Primaverile. L’appuntamento è per il giorno di Pasquetta, 2 aprile, dalla sede nautica, al molo S. Antonio, dove ci si tufferà in mare per festeggiare l’arrivo della primavera.

Dalle ore 10 si raccoglieranno le iscrizioni, per essere pronti, alle 11.30, per il tuffo. Dopo il bagno, sarà allestito un piccolo ristoro per tutti i partecipanti.

La Lega Navale assegnerà ai partecipanti alcuni premi speciali: alla nuotatrice e al nuotatore meno giovani, al più piccolo, al gruppo più numeroso e al partecipante che viene da più lontano.

A Vado Ligure la quarta edizione del cimento invernale

Vado Ligure. Una mattinata di festa, a Vado Ligure, per la quarta edizione del cimento invernale svoltosi al Centro Nautico Vadese.

Il ritrovo era fissato alle ore 10. In una giornata “baciata” dal sole e da temperature decisamente miti, 76 persone hanno sfidato l’acqua fredda per il tradizionale tuffo, avvenuto alle 11; successivamente, alle 11.45, la premiazione dei partecipanti.

Il partecipante più anziano è stato Salvatore Lombardo, 85 anni, mentre il più giovane è stato il piccolo Nicolò Mantero di 10 anni.

In 70 per il cimento di Finale, ma la vera sorpresa è la “partecipazione” di un delfino

Finale Ligure. Sono stati settanta i coraggiosi che, questa mattina, hanno festeggiato l’Epifania con un tuffo in mare a Finale Ligure.

La vera sorpresa del cimento 2018 è stata la presenza di un delfino che, proprio mentre i partecipanti si stavano tuffando, si è avvicinato alla riva ed ha nuotato poco distante da loro saltando fuori dall’acqua.

Il tuffo, come da tradizione, è stato fatto dalla Spiaggia dei Neri che, per la prima volta dopo tanti anni, era orfana del falò che solitamente veniva acceso vicino alla battigia. L’anno scorso, infatti, qualcuno si era lamentato per i “danni” del fumo e quindi gli organizzatori hanno deciso di non accenderlo. Sulla spiaggia c’era però un inedito funghetto a gas (quelli solitamente usati nei dehors dei locali).

Tra i cimentisti premiati la più “matura”, Elisa Costantini nata nel 1936, il più anziano, Luciano Assereto del 1944, i più giovani a partecipare, Gianluca del 2011 e Agnese Richeri del 2007 (la figlia dell’ex sindaco finalese), mentre il gruppo più numeroso era ancora una volta quello dei Nuotatori del Tempo Avverso.