Albissola Marina. L’iniziativa è stata lanciata e ripetuta altre volte. Domani, come in passato, mamme e bambini, e comunque cittadini che hanno a cuore lo scoglio della Margonara torneranno sulla spiaggia della Madonnetta di Albissola per difendere quello spazio naturale che rischia di essere trasformato in una colata di cemento.

L’idea del “Cimento contro il cemento” che scatterà alle 11, dopo il raduno dei partecipanti, ha come finalità quella di sospendere il progetto che prevede la realizzazione del porto turistico.  Gli organizzatori del cimento di fine febbraio stanno definendo gli ultimi dettagli e sono molto determinati: E’ molto più di un semplice tuffo invernale: è la dimostrazione della caparbietà e della convinzione di questa lotta decennale”.

Da anni respingono con forza il progetto dell’imprenditore Giovanni Gambardella, dominus della società “Porticciolo di Savona e Albissola Marina srl”, in seguito alla sentenza favorevole del Consiglio di Stato che ha riabilitato il piano del porticciolo turistico.

I membri del coordinamento Margonara Viva, da sempre in prima linea contro il piano: “È fuorviante parlare di “porticciolo” perché si tratta di un’opera che prevede circa settecento posti barca e la costruzione di alcune palazzine che occuperebbero l’attuale spiaggia per elevarsi fino all’altezza della via Aurelia”.