Cimento invernale di nuoto a Villaputzu

Villaputzu, 6 gennaio 2019 – <<Trentuno ardimentosi (uomini, donne ma anche bambini), incuranti dell’acqua gelida del mare, hanno partecipato alla ventesima edizione del “cimento invernale di nuoto” che si è svolta domenica mattina 6 gennaio nella splendida cornice della spiaggia di “Su Tramatzu” nel litorale di Villapuzu, alla presenza di diverse centinaia di persone.
La manifestazione, non competitiva, è stata organizzata dalla sezione del Sarrabus della società nazionale di salvamento, alla quale aderiscono tutti i bagnini delle strutture turistiche della costa sud orientale, con la collaborazione delle associazioni di volontariato” Coas Casula”, “Protezione civile Sarrabus Gerrei”, dell’asd “mountain bike Sarrabus”, e il patrocinio e il contributo del comune di Villaputzu.
Madrine della manifestazione sono state come al solito le befane. Tutti i partecipanti al termine del primo bagno del 2019 si sono scaldati attorno a un falò e hanno sorseggiato un te caldo. Tutti gli ardimentosi hanno ricevuto l’attestato di partecipazione.

Premi particolari per i partecipanti più anziani: Egidio Loi, 83 anni di Villaputzu, Lucia Utzeri 58 anni di Sindelfingen, città del Land tedesco del Baden-Württember, più giovani: Alessio Pilia 6 anni di Villapuzu e Sara Simbula 10 anni di Muravera, e Antony Seu 59 anni di Lambersart, regione Alta Francia, dipartimento del Nort, Arrondissement di Lille, il partecipante proveniente dal paese più lontano (dista da Villaputzu 1688 Km).>>
Lo riporta l’articolo “Primo bagno dell’anno in mare per 31 coraggiosi a Su Tramatzu” di Gian Carlo Bulla, pubblicato il 07/01/2019 su La Nuova Sardegna – Ed. Cagliari.

Leggi l’articolo “Primo bagno dell’anno in mare per 31 coraggiosi a Su Tramatzusul sito web lanuovasardegna.it

Fonte e immagini: La Nuova Sardegna – Ed. Cagliari

L'articolo Cimento invernale di nuoto a Villaputzu sembra essere il primo su Società Nazionale di Salvamento.

Finale Ligure, oltre duecento partecipanti al Cimento invernale

cimento_4-h140126115403-010-kqu-673x320ilsecoloxixweb

Finale Ligure. Sono stati 213 i nuotatori che hanno partecipato ieri a Finale alla  ventiduesima edizione del Cimento Invernale. Hanno partecipato anche  il sindaco Ugo Frascherelli, il consigliere comunale di maggioranza Francesco Montanaro e l’assessore al turismo e alla cultura Claudio Casanova. Il partecipante più anziano è stato un 80enne mentre la più giovane una bambina di 3 anni.

Tuffo in mare per 213 coraggiosi al Cimento della Befana 

Sono stati 213 i coraggiosi che, nel giorno dell’Epifania, si sono tuffati in mare a Finale per la ventiduesima edizione del Cimento della Befana. Ad organizzare la ciumba della Befana è stata la Compagnia di San Pietro Finalmarina. L’edizione 2019 si è svolta come sempre presso la spiaggia dei Neri davanti al lungomare di Finalmarina. Dopo le iscr...

Sportiva Sturla, un cimento per festeggiare la riapertura della piscina grande

Genova. La Sportiva Sturla riparte con l’entusiasmo di tantissimi giovani, impegnati a nuotare e giocare nella ripristinata vasca grande di via V maggio 2D sin dalle prime ore del mattino, e con l’energia dei 146 cimentisti di tutte le età che si sono dati appuntamento alle 11:30, sulla spiaggia di Sturla baciata dal sole (temperatura dell’acqua 14 gradi), per un benaugurante tuffo in mare.

Ha 90 anni e mezzo Elena Gerhart, accompagnata dall’amica Chiara Simonelli, ed è la più anziana cimentista. Il più giovane, Alessandro, è nato nel 2011. “Amo il Nuoto, dai tempi in cui ero bambina e per insegnarmi a nuotare mi lanciarono in acqua dalla barca – spiega la Gerhart – Il primo cimento, invece, risale al 1973: sono felice di esser venuta qui a Sturla anche quest’anno e il mare calmo ha ripagato il mio impegno”. Alma Rotellino ha la maglia del Genoa ma “me la levo per non rovinarla in acqua”. Settantanove anni, è al suo decimo cimento. “Provo gran piacere attraverso il contatto con l’acqua fresca anche se siamo in inverno. E’ senz’altro meglio che starsene a casa davanti alla televisione e, soprattutto, è una bella esperienza condivisa con un gruppo di amici”. Paolo Sgorbini affronta, per il secondo anno consecutivo, il cimento con il cane Charlie. “Quando raggiungiamo la spiaggia lui inizia ad abbaiare e, quindi, dobbiamo bagnarci subito. A me piace spesso andare in canoa e Charlie mi segue a nuoto”.

“I danni, questa volta davvero troppo ingenti, sembravano averci spinto verso l’immediata resa – spiega Stefano Sibilla, consigliere Sportiva Sturla anch’egli oggi cimentista – Per fortuna siamo una bella squadra, ognuno con le proprie competenze: tantissimi ci hanno sostenuto, sono arrivati anche piccoli contributi da giovanissimi nuotatori dalla Sardegna, e così a metà novembre abbiamo deciso di programmare la ripartenza con la grande festa di oggi. La nutritissima partecipazione a questo Cimento è un ulteriore testimonianza dell’affetto di cui gode la Sportiva Sturla”. D’accordo il vicepresidente Roberto De Pascale “Siamo veramente contenti, ci riempie veramente di gioia poter ripartire in una giornata come questa, coincidente con il 31° Cimento Invernale di Sturla: dovremo ancora fare sacrifici enormi ma la solidarietà e la vicinanza della gente, in questi due mesi, ci hanno dato lo stimolo per rimboccarci le maniche e affrontare nuove sfide”. Al suo fianco, Daniela Calcagno, da 40 anni dipendente della società biancoverde del presidente Giorgio Conte. “Finalmente domani riprenderanno i nostri corsi nuoto: un ringraziamento al consiglio della Sportiva Sturla, un ambiente glorioso che per me rappresenta la mia prima casa”.

The post Sportiva Sturla, un cimento per festeggiare la riapertura della piscina grande appeared first on Genova24.it.

Tuffo d’inverno nelle acque santerenzine, che successo il Cimento catodico

Centosettanta intrepidi partecipanti hanno preso parte stamattina alla spiaggia di San Terenzo alla sesta edizione del 'Cimento catodico', tuffo gelato nelle acque del golfo. Nutrita la delegazione di amministratori pubblici: c'erano il sindaco Paoletti, assessori, consiglieri. Immancabili un po' di befane, come anche lo spuntino ristoratore di fine mattata.